IMPORTANTE: regolazione statica delle sospensioni e SAG

eternauta
Pilota Ufficiale
Pilota Ufficiale
Messaggi: 3436
Iscritto il: mer feb 18, 2009 1:27 pm
Moto: SeriePerfetta
Località: dall' altra parte del mondo

IMPORTANTE: regolazione statica delle sospensioni e SAG

Messaggio da eternauta » dom lug 24, 2011 12:46 pm

Mi prendo la liberta' di riportare la parte relativa alle sospensioni
presa pari pari dalla "Raccolta di appunti di tecnica della Moto"-Docum. redatto da Motoclub 100hp e O. G. M. Racing

Regolazione statica delle sospensioni: la cosa piu' importante per una buona messa a punto e' attenersi alle regolazioni di base, valide per ogni tipo di moto, per poi cambiare una cosa per volta. Cosi' oltre a capire se state andando nella giusta direzione, vi permettera' di comprendere meglio l' effetto di ogni regolazione,
tutte le indicazioni saranno importanti per modificare la taratura secondo ogni vs futura esigenza.
Ogni tipo di regolazione consigliato e' da considerarsi come base di partenza, infatti ogni moto deve essere guidata secondo lo spirito per cui e' stata costruita, inoltre ogni pilota ha il proprio stile di guida e le proprie preferenze.
Solitamente chi ha una guida piu' pulita preferisce regolazioni tendenti
al morbido in modo che la moto possa copiare meglio le asperita' dell' asfalto senza riperquoterle sul pilota che verrebbe sbilanciato.
Mentre chi ha una guida piu' sporca preferisce indurirle per ottenere un maggior controllo nelle situazioni limite come frenate ed accelerazioni violente.
Stabilire chi abbia ragione e' molto aleatorio; infatti nel primo caso viene sfruttata la percorrenza, invece nel secondo l' entrata e l' uscita di curva.
I parametri fondamentali da prendere in considerazione sono:
1)Misure di riferimento
2)Assetto statico
3)Static sag
4)Sag rider

1)RIFERIMENTO
Sollevate la moto in modo che le ruote siano staccate da terra; misurate da un punto solidale del telaio ai perni ruota. Ad esempio dalla piastra di sterzo inferiore per l' anteriore e da un punto sul codino quasi perpendicolare al perno per il posteriore (se non avete un punto di rif. attaccate un pezzo di scotch). Segnatevi su un foglio le due misurazioni e chiamatele RIFERIMENTO Anteriore e Posteriore.

2)ASSETTO STATICO
Rimettete a terra la Moto, mantenendola perpendicolare senza applicarle nessuna pressione e riprendete le stesse misure.
Se le sospensioni sono standard, quindi non hanno una buona scorrevolezza, prendete queste misure due volte: la prima facendo abbassare la Moto molto lentamente e la seconda facendola risalire sempre lentamente. La media tra le due misure e' la misura in POSIZIONE STATICA, prendete nota.

3)STATIC SAG
Sottraete la misura 2 alla misura 1 per conoscere l' abbassamento statico conosciuto anche come Negativo, Neutro o Gioco Statico. Lo Static Sag, "1" meno "2", deve, secondo la Moto o l' uso , essere compreso tra:(le misurazioni si intendono in millimetri)
600/750/MAXI strada 23-28 / pista 24-10 (per l' anteriore)
strada 10-15 / pista 8-12 (per il posteriore)
TURISTICHE strada 25-30 / pista 10-15 (per l' anteriore)
In caso di pista bagnata usate i parametri per la strada

La Static Sag, ossia la possibilita' della sospensione di lavorare in estensione rispetto alla posizione statica, e' di vitale importanza, infatti, se insufficiente, la ruota anteriore non riesce a copiare gli avvallamenti dell' asfalto facendo sbacchettare la moto o rendendola instabile mentre quella posteriore non rimarra' stabile in staccata generando saltellamenti e/o sbandieramenti.
Fine della prima parte :wink:
"Cominciate col fare cio' che e' necessario, poi cio' che e' possibile.
E un giorno, all'improvviso vi scoprirete a fare l'impossibile."
(Francesco d'Assisi)

eternauta
Pilota Ufficiale
Pilota Ufficiale
Messaggi: 3436
Iscritto il: mer feb 18, 2009 1:27 pm
Moto: SeriePerfetta
Località: dall' altra parte del mondo

Re: IMPORTANTE: regolazione statica delle sospensioni e SAG

Messaggio da eternauta » lun lug 25, 2011 2:28 pm

Seconda parte 8)

4)SAG RIDER
Rifate la stessa misurazione del punto "2", solo per il posteriore, con il pilota in posizione normale di guida, prendete nota e detraetela dal "Riferimento" ottenendo cosi' l' abbassamento con Pilota, positivo o SAG RIDER.

VALORI LIMITE DI SAG RIDER

600-750-MAXI 25-35 (strada) 25-30 (pista)
TURISTICHE FINO A 40 ---------------

Per i punti "3" e "4" bisogna avvicinarsi ai valori minimi per la pista ed a quelli massimi per la strada; piu' pesa il pilota piu' ci si deve avvicinare ai valori minimi di Static Sag e massimi di Sag Rider, con piloti di oltre 90 kg. si possono utilizzare i valori di Static Sag della pista anche su strada.
Comunque se con un valore minimo di Static Sag si ha un Sag Rider superiore a quello massimo la molla e' troppo morbida, al contrario massimo SS e minimo SR e' troppo rigida.
Le regolazioni ai punti 3 e 4 si eseguono variando il precarico della molla, con le idrauliche completamente aperte.
Aumentando il precarico si riducono i valori dei SAG e la Moto si alza,
mentre riducendolo si aumentano i SAG e la Moto si abbassa.


5)SCORREVOLEZZA
Per l' utilizzo in pista la scorrevolezza e' fondamentale, infatti una forcella che gia' a mano ha degli attriti, quando e' sotto sforzo, tipo in staccata, non riesce piu' a muoversi. Con sospensioni standard l' attrito puo' aiutare a non raggiungere il fondocorsa, ma non essendo costante o regolabile genera scompensi alla moto. Questo rende impossibile una buona regolazione, ad esempio puo' generare un pacco meccanico che non corrisponde al fondocorsa reale.
E' importante quando rimontate la Moto prima di stringere i bulloni di fermo del perno ruota spingete la forcella un po' di volte piu' forte possibile, cosi' le forcelle rimarranno ben parallele.

6)FRENO IN ESTENSIONE
7)FRENO IN COMPRESSIONE
L' SV non ne e' provvista . . . (disponibili su richiesta)

8 CONTROLLO INCLINAZIONE
Questa regolazione e' sicuramente la piu' soggettiva, comunque il nostro consiglio e' di caricare il piu' possibile l' anteriore sino a quando il posteriore tende a derapare. E' infatti molto piu' semplice controllare il posteriore che l' anteriore in derapata...Per la maggior parte delle Moto stradali, anche sportive, si puo' intervenire solo sull' anteriore facendo scorrere le forcelle nelle piastre e comunque decidere dove intervenire e' dovuto alla possibilita' di regolazione e ad altri problemi che puo' avere la Moto. Infatti e' importante controllare che le sospensioni possano fare tutta la loro corsa senza che le parti in movimento urtino il resto della Moto (fodero/piastra inferiore per le forcelle convenzionali o ruota/testa motore per Ducati). Se la moto tende ad allargare le curve e' troppo caricato il posteriore (abbassare l' anteriore o alzare il posteriore); se tende a chiuderle e' troppo caricato l' anteriore (alzare l' anteriore o abbassare il posteriore). Puo' capitare che la Moto sia troppo inclinata in avanti, ma non riesca comunque a chiudere la traiettoria; in questo caso le molle anteriori sono troppo rigide. Stringete sempre le piastre forcella con una chiave dinamometrica ai kg consigliati dalla casa, la deformazione della forcella oltre a diminuire la scorrevolezza puo' essere causa di rotture.
Fine della seconda parte,
terza ed ultima parte relativa a LIVELLO OLIO e TELEMETRIA :up:
"Cominciate col fare cio' che e' necessario, poi cio' che e' possibile.
E un giorno, all'improvviso vi scoprirete a fare l'impossibile."
(Francesco d'Assisi)

eternauta
Pilota Ufficiale
Pilota Ufficiale
Messaggi: 3436
Iscritto il: mer feb 18, 2009 1:27 pm
Moto: SeriePerfetta
Località: dall' altra parte del mondo

Re: IMPORTANTE: regolazione statica delle sospensioni e SAG

Messaggio da eternauta » mar lug 26, 2011 1:12 pm

Terza ed ultima parte:

9)LIVELLO OLIO
Attenersi sempre alle quantita'o ai livelli consigliati dalla casa costruttrice della Moto o della forcella. Questo vi da la possibilita' di aggiungere olio senza avere problemi, quali la rottura dei paraoli stessi. Come massimo aumentate il livello dell' olio per 20mm e diminuitelo sino a quando le parti idrauliche sono di sicuro immerse completamente.
Aumentando il livello dell' olio si irrigidisce la forcella nella parte finale dell' escursione senza dover intervenire su altre regolazioni che possono stravolgere l' assetto della Moto.
Diminuendolo la forcella ha un intervento maggiormente progressivo, quindi migliore, ma a volte non sufficiente ad evitare il fondocorsa delle stesse.
Il livello dell' olio (o meglio dell' aria) si misura con le forcelle completamente schiacciate (a fondo corsa) senza molla, dal bordo della forcella al livello dell' olio in millimetri. Usate solo oli di ottima qualita'.
Attenzione a non usare prodotti sbagliati, quali i solventi, per pulire le vostre sospensioni, fate controllare con regolarita' la perfetta funzionalita' di tutte le parti delle sospensioni da persone specializzate, infine ricordatevi di cambiare l' olio alle forcelle almeno ogni anno o 15.000 Km.

10) TELEMETRIA
Il discorso sulla telemetria e' troppo vasto per essere descritto in un semplice paragrafo, ci limitiamo a sostenere, al contrario di molti, che e' un grande aiuto per il pilota ed i tecnici, ma non potra' mai sostituire le sensazioni umane.
Comunque per rendervi sempre conto dell' effettivo lavoro delle vostre sospensioni senza spendere un capitale mettete un o-ring o una fascetta di plastica ben stretta sullo stelo della forcella e dell' ammortizzatore, per quest' ultimo consigliamo di applicare del grasso, infatti l' ammortizzatore deve poter lavorare fino al tampone e con la fascetta ne diminuite la corsa.
Ovviamente in questo modo conoscerete solamente la massima escursione delle sospensioni in base alla vostra regolazione e non il vero funzionamento, ma il rapporto qualita'/prezzo rispetto ad un sistema di telemetria e' veramente competitivo.
Dopo aver provato la moto, misurate la distanza tra il parapolvere della forcella e la fascetta, sommate il valore di Static Sag ed avrete la corsa effettiva che dovrebbe essere intorno ai 100/110 mm.
Per l' ammortizzatore verificare la distanza tra il grasso applicato ed il tampone che dovra' essere compresa tra 1 e 15 mm.
E' importante sapere che il tampone e' una sicurezza ulteriore contro il fondocorsa dell' ammortizzatore ed e' presente anche nelle forcelle (stop idraulico).
Se tenete conto che normalmente lo stop idraulico inizia dai 20 ai 40 mm prima del fondocorsa della forcella, vi potete rendere conto che se anche l' ammortizzatore arriva a toccare il tampone non e' cosi' grave, il problema e' quando arriva troppo velocemente e si sente il colpo.

A GRANDI LINEE, LA REGOLAZIONE DELLE SOSPENSIONI DEV' ESSERE PIU' MORBIDA POSSIBILE SENZA ARRIVARE AL FONDOCORSA.

Augurandomi che questa breve ma sintetica raccolta di appunti
sulla regolazione delle sospensioni
sia facilmente comprensibile e quindi di utilita'
come lo e' stato per me
vi saluto 8)
"Cominciate col fare cio' che e' necessario, poi cio' che e' possibile.
E un giorno, all'improvviso vi scoprirete a fare l'impossibile."
(Francesco d'Assisi)

eternauta
Pilota Ufficiale
Pilota Ufficiale
Messaggi: 3436
Iscritto il: mer feb 18, 2009 1:27 pm
Moto: SeriePerfetta
Località: dall' altra parte del mondo

Re: IMPORTANTE: regolazione statica delle sospensioni e SAG

Messaggio da eternauta » gio lug 28, 2011 1:38 pm

Per chi non l' avesse ancora afferrato,
nella misurazione dopo provato la moto al paragrafo: TELEMETRIA
se mi trovo con un 65mm, posso dedurre di avere un escursione della sospensione basso, in quanto sommato allo Static Sag dovrebbe fare i 100/110 mm ed invece risulta di almeno 35 mm.(=S.Sag alto)

Per correggere la poca escursione, dovro' allora "alzare la Moto" precaricando il necessario e riducendo cosi' il Sag, fino a rientrare nei valori ottimali... :up:
"Cominciate col fare cio' che e' necessario, poi cio' che e' possibile.
E un giorno, all'improvviso vi scoprirete a fare l'impossibile."
(Francesco d'Assisi)

Gio_III
Piegatore
Piegatore
Messaggi: 384
Iscritto il: lun lug 13, 2009 5:59 pm
Località: Pisa

Re: IMPORTANTE: regolazione statica delle sospensioni e SAG

Messaggio da Gio_III » gio lug 28, 2011 6:02 pm

come faccio a sollevare la moto da terra?
Immagine

logatto
Smanettone
Smanettone
Messaggi: 752
Iscritto il: mer gen 13, 2010 12:41 am
Località: Castelfidardo (AN)

Re: IMPORTANTE: regolazione statica delle sospensioni e SAG

Messaggio da logatto » gio lug 28, 2011 6:30 pm

Immagine

Immagine
Ultima modifica di logatto il gio lug 28, 2011 8:18 pm, modificato 2 volte in totale.
Immagine

La mia ex moto...

--------------------------------------------

... e alla fine ogni arrivo non e' altro che una nuova partenza: non puoi farci nulla, sei costretto a viaggiare!
Quello che ti e' concesso e' scegliere come e con chi, e io l'ho fatto...

iguanapik
Manetta Suprema
Manetta Suprema
Messaggi: 5924
Iscritto il: ven gen 12, 2007 9:31 pm
Moto: street triple r
Località: Verona

Re: IMPORTANTE: regolazione statica delle sospensioni e SAG

Messaggio da iguanapik » gio lug 28, 2011 8:09 pm

Già che ci sei e hai voglia di scrivere mi interesserebbero anche i punti 6 e 7 :lol2:
Immagine

Marcuz85
Cancello
Cancello
Messaggi: 23
Iscritto il: lun lug 18, 2011 10:12 pm
Moto: SV 650 N
Località: Garlasco [PV]

Re: IMPORTANTE: regolazione statica delle sospensioni e SAG

Messaggio da Marcuz85 » gio lug 28, 2011 8:10 pm

Magari è stupida come domanda, ma queste regolazioni "fini" sono utili anche nella guida tranquilla delle passeggiate o servono con una guida molto allegra / pista ?

iguanapik
Manetta Suprema
Manetta Suprema
Messaggi: 5924
Iscritto il: ven gen 12, 2007 9:31 pm
Moto: street triple r
Località: Verona

Re: IMPORTANTE: regolazione statica delle sospensioni e SAG

Messaggio da iguanapik » gio lug 28, 2011 8:49 pm

Marcuz85 ha scritto:Magari è stupida come domanda, ma queste regolazioni "fini" sono utili anche nella guida tranquilla delle passeggiate o servono con una guida molto allegra / pista ?
Non tutte le regolazioni sopra elencate sono "fini" ma alcune come il sag sono fondamentali per un corretto funzionamento della sospensione, il che vuol dire divertirsi di più con maggior sicurezza! :wink:
Immagine

eternauta
Pilota Ufficiale
Pilota Ufficiale
Messaggi: 3436
Iscritto il: mer feb 18, 2009 1:27 pm
Moto: SeriePerfetta
Località: dall' altra parte del mondo

Re: IMPORTANTE: regolazione statica delle sospensioni e SAG

Messaggio da eternauta » ven lug 29, 2011 3:17 pm

iguanapik ha scritto:Già che ci sei e hai voglia di scrivere mi interesserebbero anche i punti 6 e 7 :lol2:
In questo caso...

6) FRENO IN ESTENSIONE
prendere la Moto dal manubrio, frenare e fare lavorare la forcella un po' di volte poi spingere con decisione e farla tornare tenendo sempre frenato senza far pressione sul manubrio. La forcella deve estendersi e scendere un poco prima di fermarsi(secondo le esigenze del pilota puo' scendere di piu' o di meno), se tende a scendere e poi a risalire e' poco frenata mentre se non sale tutta lo e' troppo. I limiti sono tra quando la forcella "risalendo si ferma" e quando
"ritorna, scende e tende a risalire" (per le Moto da enduro o turistiche puo' anche iniziare a risalire). Per il posteriore bisogna far lavorare l' ammortizzatore: comprimerlo con decisione e lasciarlo tornare calcolando il tempo di ritorno che dev' essere compreso tra 1 secondo ed 1.5 secondi, ovviamente piu' lento per la pista. Le moto dell' ultima generazione con forcellone lungo possono rimanere un po' piu' sfrenate.
II Stadio: Con l' esperienza si potranno controllare anche le differenze tra fluidi veloci e lenti. Comunque per dare un idea i primi si controllano dando una forte spinta alle sospensioni mentre i secondi facendo lavorare le sospensioni per circa 1/3 della loro corsa. A grandi linee un idraulica bilanciata in estensione dara' le stesse risposte, quindi stessi tempi di ritorno sia sui fluidi veloci che su quelli lenti. Sulle sospensioni di serie non sperateci neanche!!!
Se l' anteriore non e' abbastanza frenato si puo' verificare un brusco cambio di assetto tra la frenata e l' inserimento in curva (fluidi veloci). Inoltre sia l' anteriore che il posteriore poco frenati
tendono a far ondeggiare la Moto sul veloce (fluidi lenti).
Se al contrario sono troppo frenate la Moto non riesce a copiare gli avvallamenti, non permettendo poi alle molle di ricaricarsi le sospensioni vanno a fondocorsa anche se sembrano rigidissime e la moto diventa dura da guidare.
Normalmente si pensa che quando una moto spara sulle buche sia poco frenata, invece solitamente e' proprio un eccessiva frenatura la causa.
Piu' e' rigida o precaricata la molla piu' l' estensione dovra' essere frenata, e' quindi semplice capire che l' estensione potra' lavorare meglio con una molla avente un carico iniziale molto basso e la differenza tra le spire che ne limita la risonanza (come le molle a valvola motore).
Per oggi e' tutto 8)
"Cominciate col fare cio' che e' necessario, poi cio' che e' possibile.
E un giorno, all'improvviso vi scoprirete a fare l'impossibile."
(Francesco d'Assisi)

iguanapik
Manetta Suprema
Manetta Suprema
Messaggi: 5924
Iscritto il: ven gen 12, 2007 9:31 pm
Moto: street triple r
Località: Verona

Re: IMPORTANTE: regolazione statica delle sospensioni e SAG

Messaggio da iguanapik » ven lug 29, 2011 7:14 pm

grande, in attesa del punto 7 :lol2:
Immagine

eternauta
Pilota Ufficiale
Pilota Ufficiale
Messaggi: 3436
Iscritto il: mer feb 18, 2009 1:27 pm
Moto: SeriePerfetta
Località: dall' altra parte del mondo

Re: IMPORTANTE: regolazione statica delle sospensioni e SAG

Messaggio da eternauta » dom lug 31, 2011 2:02 pm

Eccolo qui :smilone:

7) FRENO IN COMPRESSIONE
Questa regolazione ha la funzione di variare il tempo di movimento della sospensione, puo' aiutare la sospensione a non raggiungere il fondocorsa senza dover variare altre regolazioni. Per regolarlo staticamente si spingono le sospensioni a mano, sulla forcella devono rimanere ancora 15-25 mm. di corsa mentre l' ammortizzatore non deve arrivare al tampone. Anche l' idraulica in compressione si divide in fluidi lenti e veloci, c' e' anche chi su questa base afferma di poter migliorare la progressione con l' idraulica, ma non e' vero. In sostanza si puo' aumentare la frenatura sui fluidi veloci in modo che a fronte di una spinta lieve la sospensione rimanga morbida, mentre con una spinta forte e quindi piu' veloce la sospensione si irrigidisca, dando la sensazione di progressivita'. Purtroppo pero' se le sospensioni devono essere morbide e' per poter copiare le asperita', che agiscono sui fluidi veloci, quindi nel momento in cui guidate la Moto sara' comunque troppo secca.

II Stadio: Anche per la compressione i fluidi lenti e veloci devono essere bilanciati. Con l' esperienza si regolano i fluidi veloci chiudendo la compressione fino a quando non si sente piu' il rinculo della molla mentre per i fluidi lenti sempre muovendola nel primo terzo di corsa bisogna ottenere una sensazione di bilanciamento tra compressione ed estensione. Anche in questo caso con sospensioni non modificate e' inutile provare. Chiudendo questa regolazione la Moto puo' aquistare maneggevolezza ed aumentando il tempo di movimento della sopensione puo' diminuire la corsa in frenate o accelerazioni brevi, inoltre aquista piu' stabilita' in se' stessa, ossia si muove di meno, ma la perde rispetto al fondo stradale diventando troppo secca sulle asperita', rendendo la guida piu' stressante ed imprecisa;questo spiega perche' molte Moto stradali hanno solo la regolazione del ritorno.
Per regolarla perfettamente l' unico modo e' provare la Moto e trovare il miglior compromesso tra tenuta di strada (ridurre) e controllo delle sospensioni (aumentare).
Se non avete le regolazioni idrauliche o se queste non sono sufficienti
aumentate la viscosita' dell' olio se la forcella non e' abbastanza frenata e diminuitela se lo e' troppo.
Nel caso in cui, per ottenere una buona frenatura in estensione, la forcella diventasse troppo dura o morbida in compressione
potete modificare i passaggi interni della forcella in modo che entrambe le regolazioni siano equilibrate, ma solo per le forcelle con la cartuccia.

Con questo e' tutto, buone smanettate di sospensioni a tutti! :wink:
"Cominciate col fare cio' che e' necessario, poi cio' che e' possibile.
E un giorno, all'improvviso vi scoprirete a fare l'impossibile."
(Francesco d'Assisi)

Gio_III
Piegatore
Piegatore
Messaggi: 384
Iscritto il: lun lug 13, 2009 5:59 pm
Località: Pisa

Re: IMPORTANTE: regolazione statica delle sospensioni e SAG

Messaggio da Gio_III » dom lug 31, 2011 7:15 pm

seguo quest articolo con passione però da quello che capisco con le sospe originali un c è niente da fà...... te che tipo di sospensioni hai? io di solito vado in due e la uso su tutte le strade (nopista) e volevo passare ad un kit ros2.5 perchè dell'originale k3 mi son rotto, con questa modifica si comincia ad apprezzare qualcosa se lo sai?
lamps
Immagine

eternauta
Pilota Ufficiale
Pilota Ufficiale
Messaggi: 3436
Iscritto il: mer feb 18, 2009 1:27 pm
Moto: SeriePerfetta
Località: dall' altra parte del mondo

Re: IMPORTANTE: regolazione statica delle sospensioni e SAG

Messaggio da eternauta » dom lug 31, 2011 11:22 pm

Gio_III ha scritto:seguo quest articolo con passione però da quello che capisco con le sospe originali un c è niente da fà...... te che tipo di sospensioni hai? io di solito vado in due e la uso su tutte le strade (nopista) e volevo passare ad un kit ros2.5 perchè dell'originale k3 mi son rotto, con questa modifica si comincia ad apprezzare qualcosa se lo sai?
lamps
Con le sospensioni originali si puo' solo intervenire sull' olio della forcella:la gradazione e la quantita' (come e' riportato sopra)
io adesso ho il kit Dilone (molle, distanziali e flauti) piu' una molla posteriore Hyperpro montata su un idraulica originale con pochi km.

secondo me, passando ad un kit 2.5 di Ros ben tarato su sue specifiche, guadagnerai la compostezza e la precisione dell' avantreno che adesso non hai, al posto tuo pero' cercherei un monoammortizzatore adeguato all' avantreno perche' sentirai subito l' inadeguatezza dell' originale...ancor di piu' andando in due

se non vai in pista, forse la soluzione migliore potrebbe essere: kit stage 2 e ammortizzatore Sachs + piccolo upgrade ai freni con tubi in treccia e buone pasticche (se non li hai gia'), olio freni nuovo e pulizia delle pinze.
E sentirai la differenza! lamps
"Cominciate col fare cio' che e' necessario, poi cio' che e' possibile.
E un giorno, all'improvviso vi scoprirete a fare l'impossibile."
(Francesco d'Assisi)

Gio_III
Piegatore
Piegatore
Messaggi: 384
Iscritto il: lun lug 13, 2009 5:59 pm
Località: Pisa

Re: IMPORTANTE: regolazione statica delle sospensioni e SAG

Messaggio da Gio_III » lun ago 01, 2011 12:00 am

tubi in treccia si e le pinze le tengo abb. bene pulite e olio sempre fresco, preferirei un 2.5 perchè uso la moto tutto l'anno e d'inverno lo sento molto l'oilio viscoso a forcella è di marmo, grazie dei consigli
lamps
Immagine

Shamael
Postino
Postino
Messaggi: 287
Iscritto il: lun giu 15, 2009 10:26 pm
Moto: SUZUKI SV
Nome: Shona
Località: Torino
Contatta:

Re: IMPORTANTE: regolazione statica delle sospensioni e SAG

Messaggio da Shamael » lun ago 01, 2011 10:30 am

non mi è chiara un cosa, io ho montato la forcella di un k4... steli rovesciati.. ma non mi è chiaro se avvitando la regolazione precarico, aumento o diminuisco il precarico..
Immagine

Uploaded with ImageShack.us

iguanapik
Manetta Suprema
Manetta Suprema
Messaggi: 5924
Iscritto il: ven gen 12, 2007 9:31 pm
Moto: street triple r
Località: Verona

Re: IMPORTANTE: regolazione statica delle sospensioni e SAG

Messaggio da iguanapik » lun ago 01, 2011 12:04 pm

Shamael ha scritto:non mi è chiara un cosa, io ho montato la forcella di un k4... steli rovesciati.. ma non mi è chiaro se avvitando la regolazione precarico, aumento o diminuisco il precarico..
Norma avvitando la vite vai a comprimere la molla quindi aumenti il precarico, comunque non conosco la tua forcella nello specifico ma di solito e' così. Ti puoi accorgere se stai prevaricando perché la moto si alzerà in base a quanto precarichi
Immagine

Shamael
Postino
Postino
Messaggi: 287
Iscritto il: lun giu 15, 2009 10:26 pm
Moto: SUZUKI SV
Nome: Shona
Località: Torino
Contatta:

Re: IMPORTANTE: regolazione statica delle sospensioni e SAG

Messaggio da Shamael » lun ago 01, 2011 12:46 pm

mmmh.. mi sa che faccio la misura dell altezza con tutto avvitato e tutto svitato..
Immagine

Uploaded with ImageShack.us

eternauta
Pilota Ufficiale
Pilota Ufficiale
Messaggi: 3436
Iscritto il: mer feb 18, 2009 1:27 pm
Moto: SeriePerfetta
Località: dall' altra parte del mondo

Re: IMPORTANTE: regolazione statica delle sospensioni e SAG

Messaggio da eternauta » lun ago 01, 2011 2:31 pm

Confermo che aumentando il precarico diminuisci il SAG e la moto si alza mentre riducendolo aumenti il SAG e la moto si abbassa.
Esattamente come e' riportato sopra,
alla fine del punto 4) SAG RIDER :wink:
"Cominciate col fare cio' che e' necessario, poi cio' che e' possibile.
E un giorno, all'improvviso vi scoprirete a fare l'impossibile."
(Francesco d'Assisi)

Shamael
Postino
Postino
Messaggi: 287
Iscritto il: lun giu 15, 2009 10:26 pm
Moto: SUZUKI SV
Nome: Shona
Località: Torino
Contatta:

Re: IMPORTANTE: regolazione statica delle sospensioni e SAG

Messaggio da Shamael » lun ago 01, 2011 9:38 pm

grazie ragazzi, domani provo ;)
Immagine

Uploaded with ImageShack.us

Rispondi