Modifica dimensione carattere
Oggi è dom ago 19, 2018 8:32 am
Questo forum utilizza dei Cookie per tenere traccia di alcune informazioni. Quali notifica visiva di una nuova risposta in un vostro topic, Notifica visiva di un nuovo argomento, e Mantenimento dello stato Online del Registrato. Collegandosi al forum o Registrandosi, si accettano queste condizioni. Sono inoltre presenti cookie di terze parti, esterni al software phpBB, relativi a (titolo esemplificativo e non esaustivo) Google Adsense, Youtube, ImageShack, Histats, Google+, Twitter, Facebook, (e altri Social Network), e ad altri siti. La navigazione su questo forum, implica la completa accettazione dell’utilizzo di ogni tipologia di cookie esistente su sv-italia.it.
VECCHIO FORUM


Scrivi un nuovo argomentoRispondi al messaggio Pagina 1 di 1   [ 18 messaggi ]
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Vibrazioni al manubrio.
MessaggioInviato: mar apr 24, 2018 2:32 pm 
Mototurista
Mototurista

Iscritto il: mer mar 28, 2018 6:47 am
Messaggi: 136
Moto: SV650 2016
Nome: Luca
Dopo qualche giro in moto da intera giornata, ho riscontrato un fastidioso inconveniente: le vibrazioni del manubrio (in special modo della manopola sinistra) mi causano un forte formicolìo alle mani, quasi ai limiti dell'insensibilità nella mano sinistra.
L'unico modo che ho per farlo passare è lasciar ciondolare il braccio lungo il corpo, aprendo e chiudendo la mano: così facendo in un minuto o due il fastidio scompare.

La mia SV ha tutto originale, tranne i terminali manubrio: ho sostituito quelli originali neri con dei terminali Puig lunghi in lega di alluminio, che pesano circa 5 grammi in più degli originali.
Il problema però si presenta sia con quelli originali che con i Puig, ed è più accentuato a sinistra che a destra; suppongo ciò sia dovuto al fatto che mentre a sinistra la manopola monta direttamente sul manubrio, a destra c'è di mezzo l'acceleratore.

Al momento mi sto fabbricando delle boccole in ottone, in sostituzione di quelle metalliche originali da 20mm inserite tra i due tamponi in gomma montati sul bullone di fissaggio dei terminali, lunghe circa 35mm, con le quali penso di guadagnare circa 20 grammi a boccola, e ridurre così le vibrazioni sulle manopole.

Quello che volevo chiedervi è: innanzitutto, sono l'unico ad avvertire questo inconveniente, oppure anche altri lo avvertono?
Poi, aumentare il peso dei terminali manubrio è il modo corretto di cercare di smorzare le vibrazioni alle mani, oppure ci sono altri sistemi più redditizi (ad es. manopole diverse/più grandi/morbide)?

_________________
"Now I'm leaving my worries behind / Feel the freedom of body and mind /
I'm starting my journey, I'm drifting away with the wind, I go.
"


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Vibrazioni al manubrio.
MessaggioInviato: mar apr 24, 2018 3:21 pm 
Supporter
Supporter

Iscritto il: lun lug 12, 2010 3:31 pm
Messaggi: 14414
Località: Velletri (RM)
Moto: SV650N K7
Nome: mio o della moto?
in genere le vibrazioni al manubrio si manifestano quando si sostituiscono i terminali originali con degli aftermarket più leggeri. tra l'altro quelli originali dell'sv pesano non poco, quindi se stai ancora cercando di appesantirli, c'è qualcosa che non va.
sicuramente la reazione alle vibrazioni al manubrio è soggettiva, io non uso bilanceri perchè ho i paramani e non mi si addormenta mai nulla (tranne il kulo nei lunghi viaggi :lol:), al contrario tuo.
comunque sia, ti chiedo: manubrio originale o aftermarket? è ruotato in avanti, all'indietro o è in posizione "neutra"? manopole originali o aftermarket?
tempo fa io provai, per gioco più che altro, le manopole in spugna, com quelle che si vedono sui monopattini per i bambini o su quelahce bicicletta. finltrano tutto di più, di contro se prendi due gocce si inzaccherano di acqua e sono spesse da morire, dando poca sensibilità alla guida.

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Vibrazioni al manubrio.
MessaggioInviato: mar apr 24, 2018 3:34 pm 
Piegatore
Piegatore

Iscritto il: mar apr 19, 2016 5:10 am
Messaggi: 375
Moto: V-Strom 650 XT
Nome: Daniele
Il manubrio che vibra o sfarfalla?...
se dopo i 70km/h lasci il manubrio si mette a sfarfallare (shimming)?...
Cmq gomme ovalizzate o non equilibrate bene, uno stelo sospensione che non scorre bene etcc...
Le vibrazioni nel bicilindirco ci sono ma sia sulla mia v-strom sia sulla sv di un mio amico anche ai 170 non si sentono milto e lui ha i bilencieri leggeri e piccolini guarderei un pò l'avantreno se è montato a dovere etcc...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Vibrazioni al manubrio.
MessaggioInviato: mar apr 24, 2018 8:56 pm 
Mototurista
Mototurista

Iscritto il: mer mar 28, 2018 6:47 am
Messaggi: 136
Moto: SV650 2016
Nome: Luca
I bilancieri sono leggermente più pesanti degli originali (circa 5 grammi l'uno), il manubrio è quello originale leggermente ruotato in avanti per avere una posizione più eretta, diciamo che è in posizione quasi verticale, le manopole sono quelle originali.

Le manopole in spugna le ho provate per un breve periodo sulla mountain bike, ma le ho smontate molto presto: tolgono qualsiasi precisione nella guida. Non credo di volerle provare sulla moto, preferisco tenermi il formicolio.

No, nessuno sfarfallìo del manubrio, e le vibrazioni sono sicuramente quelle del motore, perchè l'impressione che ho è che aumentino all'aumentare del numero di giri (non della velocità).

La moto è praticamente nuova, ha fatto poco più di 4'000 Km.
Cosa dovrei controllare nell'avantreno?

Una possibile spiegazione potrebbe essere che a volte tendo a stringere troppo le manopole per un po' di tensione?

_________________
"Now I'm leaving my worries behind / Feel the freedom of body and mind /
I'm starting my journey, I'm drifting away with the wind, I go.
"


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Vibrazioni al manubrio.
MessaggioInviato: mar apr 24, 2018 9:05 pm 
Piegatore
Piegatore

Iscritto il: mar apr 19, 2016 5:10 am
Messaggi: 375
Moto: V-Strom 650 XT
Nome: Daniele
Beh si anche... conta che più stringi più poi hai male alle mani, alle spalle e la guida diventa stancante... il mio amico ad esempio lo stringe così tanto che gli fanno male le mani :D
Solo da rilassato puoi permetterti di guidare bene, fare bene le curve, scendere tu al postocdi far scendere troppo la moto e non stancarti... io all'inizio avevo lo stesso problema di formicolio poi cambiati i guanti che steingevano troppo sul polso e rilassata la guida riesco ad andare più veloce e sicuro ... magari basta quello


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Vibrazioni al manubrio.
MessaggioInviato: mer apr 25, 2018 9:24 pm 
Pilota Ufficiale
Pilota Ufficiale

Iscritto il: ven mag 25, 2012 4:55 pm
Messaggi: 1036
Località: Bologna, statale Futa onnipresente
Moto: a piedi nudi
Postura errata??? Il manubrio di serie è molto stretto magari con after con 72 cm di larghezza le spalle lavorerebbero meglio come geometrie..stringi molto la manopola??Scusa se te lo chiedo ma hai qualche piccola ernia cervicale?? Spero di no..Cmq tutte possibili cause.Per esperienza, credo che a far addormentare le mani siano più le frequenze dei 4 cilindri basse e costanti piu che quelle del V, poi tutto ci sta.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Vibrazioni al manubrio.
MessaggioInviato: gio apr 26, 2018 6:47 am 
Mototurista
Mototurista

Iscritto il: mer mar 28, 2018 6:47 am
Messaggi: 136
Moto: SV650 2016
Nome: Luca
teo 75 ha scritto:
Postura errata??? Il manubrio di serie è molto stretto magari con after con 72 cm di larghezza le spalle lavorerebbero meglio come geometrie..stringi molto la manopola??Scusa se te lo chiedo ma hai qualche piccola ernia cervicale?? Spero di no..Cmq tutte possibili cause.Per esperienza, credo che a far addormentare le mani siano più le frequenze dei 4 cilindri basse e costanti piu che quelle del V, poi tutto ci sta.


Più o meno tutto quello che hai detto.
Stringere troppo le manopole: questo sicuramente lo faccio, anche inconsciamente; comincio ad accorgermene perchè sento le vibrazioni dei giri motore che aumentano quando accelero, soprattutto sotto la mano sinistra.

Protrusioni discali: ne ho un paio (tra C4 e C5, piuttosto piccole e spero in fase di regressione) a causa di un grave incidente sugli sci di un anno e mezzo fa (centrato da dietro mentre ero fermo a bordo pista: trauma cranico, commozione cerebrale, violentissimo colpo di frusta che ha causato le protrusioni, oltre ad altre quisquilie di minor entità, e per fortuna che sono uno previdente. scio sempre con casco e paraschiena ...). A volte mi causano dei lievi fastidi al braccio ed alla mano sinistra (guarda caso ...), ma so riconoscere quando sono scatenate dalla postura sbagliata, e mi rimetto subito "a posto".

Postura errata: da seduto (in auto, in moto, a casa) tendo ad avere una postura leggermente cifotica, e questo potrebbe contribuire. Proprio per questo motivo avevo ruotato il manubrio della moto più in avanti (ora è quasi verticale), per costringermi a stare con la schiena più piatta e protesa in avanti, ma non vorrei aver fatto più danno che beneficio.

Manubrio: in effetti sulla MTB ho una piega da 780mm e non ho mai avuto problemi di sorta, ma con quello della SV mi trovo bene, non vorrei che aumentando il braccio di leva la moto diventasse troppo sensibile.

_________________
"Now I'm leaving my worries behind / Feel the freedom of body and mind /
I'm starting my journey, I'm drifting away with the wind, I go.
"


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Vibrazioni al manubrio.
MessaggioInviato: gio apr 26, 2018 12:40 pm 
Pilota Ufficiale
Pilota Ufficiale

Iscritto il: ven mag 25, 2012 4:55 pm
Messaggi: 1036
Località: Bologna, statale Futa onnipresente
Moto: a piedi nudi
Allora visto che sono un dilaniato di tutta la colonna.. purtroppo in maniera grave ..leggendo quello che hai scritto ti consiglio di cambiare manubrio con piega bassa, cerca in qualche modo di arretrare un po' le pedane e dai 2 click al mono , visto che la 2016 è piuttosto seduta e porta a guidarla in maniera cifotica.Scusa se mi son permesso..


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Vibrazioni al manubrio.
MessaggioInviato: gio apr 26, 2018 12:56 pm 
Mototurista
Mototurista

Iscritto il: mer mar 28, 2018 6:47 am
Messaggi: 136
Moto: SV650 2016
Nome: Luca
teo 75 ha scritto:
Allora visto che sono un dilaniato di tutta la colonna.. purtroppo in maniera grave ..leggendo quello che hai scritto ti consiglio di cambiare manubrio con piega bassa, cerca in qualche modo di arretrare un po' le pedane e dai 2 click al mono , visto che la 2016 è piuttosto seduta e porta a guidarla in maniera cifotica.Scusa se mi son permesso..


Ci mancherebbe, anzi, grazie per l'aiuto.
In pratica dovrei cercare di assumere una posizione meno eretta e più coricata in avanti, tipo supersport?
Il mono l'ho già alleggerito portando la regolazione del precarico sulla seconda tacca (di fabbrica era sulla terza, la centrale), devo alleggerire ancora di più?
Per il manubrio, allora comincio a riportarlo in posizione più coricata, visto che lo avevo raddrizzato, e poi nel caso valuto la sostituzione con una piega bassa.

_________________
"Now I'm leaving my worries behind / Feel the freedom of body and mind /
I'm starting my journey, I'm drifting away with the wind, I go.
"


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Vibrazioni al manubrio.
MessaggioInviato: mar mag 01, 2018 1:12 pm 
Pilota Ufficiale
Pilota Ufficiale

Iscritto il: dom lug 25, 2010 10:42 am
Messaggi: 1700
Località: Faenza ( Ra )
Moto: SV 650 K2
Nome: Stefano
skywalker67 ha scritto:
teo 75 ha scritto:
Allora visto che sono un dilaniato di tutta la colonna.. purtroppo in maniera grave ..leggendo quello che hai scritto ti consiglio di cambiare manubrio con piega bassa, cerca in qualche modo di arretrare un po' le pedane e dai 2 click al mono , visto che la 2016 è piuttosto seduta e porta a guidarla in maniera cifotica.Scusa se mi son permesso..


Ci mancherebbe, anzi, grazie per l'aiuto.
In pratica dovrei cercare di assumere una posizione meno eretta e più coricata in avanti, tipo supersport?
Il mono l'ho già alleggerito portando la regolazione del precarico sulla seconda tacca (di fabbrica era sulla terza, la centrale), devo alleggerire ancora di più?
Per il manubrio, allora comincio a riportarlo in posizione più coricata, visto che lo avevo raddrizzato, e poi nel caso valuto la sostituzione con una piega bassa.
Il mono va indurito (nel precarico) per alzare il posteriore.
Sono un erniato pure io (l4-l5 e l5-s1).
In fase algica delle ernie, non sentivo dolore solo in moto. Moto molto caricata sul davanti e posizione di guida protesa in avanti. Il manubrio è originale, ma ruotato indietro per abbassarlo e leggermente avanzato (ruotando i riser originali).
Inoltre, ruotando indietro il manubrio, i polsi vengono ad essere in una posizione più corretta, portando le spalle in una postura giusta.
Inoltre per il mio stile, ho sempre guidato alla Tom Sykes ( già da prima che diventasse famoso) : spalle indietro, gomiti piegati e ti tieni su di addominali.
Piedi appoggiati con la punta sulle pedane.
Senza saperlo, è la postura corretta, confermata dal neurologo e dall'istruttrice di pilates posturale.

Inviato dal mio Asus a carburatori.

_________________
Immagine Immagine
In una donna guardo gli occhi, in una moto guardo i freni.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Vibrazioni al manubrio.
MessaggioInviato: mer mag 02, 2018 6:56 am 
Mototurista
Mototurista

Iscritto il: mer mar 28, 2018 6:47 am
Messaggi: 136
Moto: SV650 2016
Nome: Luca
Grazie per le dritte. :up:
C'è una cosa però che non sono sicuro di capire, per cui avrei bisogno di una spiegazione.

dip ha scritto:
Il mono va indurito (nel precarico) per alzare il posteriore.


Dai vaghi ricordi di fisica che ho, una molla a riposo ha una certa lunghezza e carico nullo; se la si (pre)carica la si comprime di un certo tratto di corsa, in modo che per comprimerla ulteriormente di una data lunghezza serva una forza maggiore di quella che sarebbe servita per comprimerla della stessa lunghezza, ma a partire dalla posizione a riposo.
Trattandosi comunque di compressione (per attuare il precarico) mi riesce difficile comprendere come il posteriore della moto possa alzarsi aumentando il precarico della molla del mono posteriore.

Qualcuno che mi illumini in tal senso?

_________________
"Now I'm leaving my worries behind / Feel the freedom of body and mind /
I'm starting my journey, I'm drifting away with the wind, I go.
"


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Vibrazioni al manubrio.
MessaggioInviato: mer mag 02, 2018 3:24 pm 
Piegatore
Piegatore

Iscritto il: mar apr 19, 2016 5:10 am
Messaggi: 375
Moto: V-Strom 650 XT
Nome: Daniele
skywalker67 ha scritto:
se la si (pre)carica la si comprime di un certo tratto di corsa, in modo che per comprimerla ulteriormente di una data lunghezza serva una forza maggiore


Basta quello che hai scritto tu...
La moto ha un suo peso e quando è appoggiata a terra (sulle gomme) questo peso schiaccia la sospensione posteriore quindi 200kg abbasseranno la moto di (ipotesi) 5cm ma se (pre)carico la molla i suddetti 200kg non saranno più sufficienti ad abbassarla di 5cm ma (sempre ipostesi) solo 3cm ecco che la moto risulta con il posteriore più alto.

Spero di esser riuscito ad esser chiaro per quanto rozzo nella mia esposizione :smilone:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Vibrazioni al manubrio.
MessaggioInviato: mer mag 02, 2018 9:08 pm 
Mototurista
Mototurista

Iscritto il: mer mar 28, 2018 6:47 am
Messaggi: 136
Moto: SV650 2016
Nome: Luca
Ok, allora credo di aver capito cosa accade.
In realtà, a moto scarica (ovvero senza rider) l'altezza sella da terra è costante e non varia al variare del precarico dell'ammo (altrimenti si potrebbe variare a piacimento l'altezza da terra della sella).
Variando però il precarico dell'ammo sarà possibile ottenere la stessa altezza da terra della sella con pesi diversi dei riders (entro i limiti di regolazione dell'ammo): in presenza di un rider pesante, basterà irrigidire la regolazione per ottenere un abbassamento della sella sotto carico pari a quello ottenibile con un alleggerimento della regolazione per un rider più leggero.
Ovviamente, immagino sia anche possibile utilizzare tale regolazione per variare un po' l'assetto del rider sulla moto: irrigidendo la sospensione (a parità di peso del rider) la sella si abbasserà di meno, e quindi il rider sarà più proteso in avanti a scapito di una maggior rigidezza della moto sulle sconnessioni del fondo stradale, mentre alleggerendo la sospensione (sempre a parità di peso del rider) la sella sarà più bassa ed il rider in posizione più "seduta", ma la moto avrà una maggiore capacità di assorbire le sconnessioni del fondo stradale.

(vabbè, ormai credo si sia capito che mestiere faccio ... :roll: )

_________________
"Now I'm leaving my worries behind / Feel the freedom of body and mind /
I'm starting my journey, I'm drifting away with the wind, I go.
"


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Vibrazioni al manubrio.
MessaggioInviato: gio mag 03, 2018 6:37 am 
Piegatore
Piegatore

Iscritto il: mar apr 19, 2016 5:10 am
Messaggi: 375
Moto: V-Strom 650 XT
Nome: Daniele
Hem... anche a moto scarica se carichi o scarichi il precarico della molla l'altezza della sella varia in quanto una volta che la moto poggia sulle ruote il mono posteriore è cmq compresso dal peso della moto stessa... quindi più lo carichi più si alza la sella... più lo scarichi e più la sella si abbassa... poi entra in gioco il sag che sono delle quote entro le quali dovrebbe lavorare il mono ammortizzatore posteriore per avere la giusta escursione sia positiva che negativa... rider pesante e mono con precarico al minimo avrai poca escursione negativa e molta positiva al contrario rider leggero e mono tutto precaricato avrai poca escursione negativa e molta escursione positiva quindi il mono non lavorerà al meglio delle sue possibilità in nessuno di queati casi...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Vibrazioni al manubrio.
MessaggioInviato: gio mag 03, 2018 7:54 am 
Mototurista
Mototurista

Iscritto il: mer mar 28, 2018 6:47 am
Messaggi: 136
Moto: SV650 2016
Nome: Luca
Sgualfone ha scritto:
Hem... anche a moto scarica se carichi o scarichi il precarico della molla l'altezza della sella varia in quanto una volta che la moto poggia sulle ruote il mono posteriore è cmq compresso dal peso della moto stessa... quindi più lo carichi più si alza la sella... più lo scarichi e più la sella si abbassa...


Pensavo che si comportasse come il mono posteriore delle MTB; ok, lì la molla in generale è sostituita da una camera d'aria in pressione (tranne che negli ammo da DH, che sono a molla), ma il principio è uguale, e l'altezza sella della bike (senza biker) non cambia al variare della pressione della camera, a meno di non scaricare del tutto l'ammo.

Sgualfone ha scritto:
poi entra in gioco il sag che sono delle quote entro le quali dovrebbe lavorare il mono ammortizzatore posteriore per avere la giusta escursione sia positiva che negativa... rider pesante e mono con precarico al minimo avrai poca escursione negativa e molta positiva al contrario rider leggero e mono tutto precaricato avrai poca escursione negativa e molta escursione positiva quindi il mono non lavorerà al meglio delle sue possibilità in nessuno di queati casi...


Il SAG è lo stesso che si rileva sulle sospensioni delle MTB?
Se si, come si regola sulla moto?
Sulla MTB lo posso fare impostando la pressione della camera d'aria dell'ammo o della forca ad un valore a cui corrisponda un affondamento delle sospensioni (con me in sella) di una quantità voluta (solitamente io regolo il SAG ad un 25/30% della corsa totale della sospensione), basta una apposita pompetta ad alta pressione e bassa portata, tanto la camera d'aria delle sospensioni da MTB è minuscola, ma sulla moto?

_________________
"Now I'm leaving my worries behind / Feel the freedom of body and mind /
I'm starting my journey, I'm drifting away with the wind, I go.
"


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Vibrazioni al manubrio.
MessaggioInviato: gio mag 03, 2018 3:59 pm 
Piegatore
Piegatore

Iscritto il: mar apr 19, 2016 5:10 am
Messaggi: 375
Moto: V-Strom 650 XT
Nome: Daniele
Per il sag non so aiutarti perchè io sulla mia non l'ho fatto ma semplicemente piano piano nei km che ho fatto ho trovato l'equilibrio giusto che mi piace a me e me lo modifico in base alle mie esigenze visto che non ho una sportiva ma una turistica... però se apri una nuova pagina di sicuro qualcuno saprà darti più lumi di me! ;)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Vibrazioni al manubrio.
MessaggioInviato: gio mag 03, 2018 6:00 pm 
Mototurista
Mototurista

Iscritto il: mer mar 28, 2018 6:47 am
Messaggi: 136
Moto: SV650 2016
Nome: Luca
Grazie, lo farò. :up:

_________________
"Now I'm leaving my worries behind / Feel the freedom of body and mind /
I'm starting my journey, I'm drifting away with the wind, I go.
"


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Vibrazioni al manubrio.
MessaggioInviato: ven mag 18, 2018 10:54 am 
Mototurista
Mototurista

Iscritto il: mer mar 28, 2018 6:47 am
Messaggi: 136
Moto: SV650 2016
Nome: Luca
Forse, dopo un discreto numero di prove ed esperimenti, sto cominciando a risolvere il problema.
Di base, i formicolii che avvertivo, erano causati da un insieme di fattori.
In primis un po' di rigidezza dovuta a "niubbaggine", a cui avevo incautamente aggiunto una rotazione in avanti del manubrio eccessiva (che mi portava ad avere le braccia troppo distese, con conseguente "quasi blocco" dei gomiti) e bilanceri aftermarket di peso dimezzato rispetto agli originali che smorzavano le vibrazioni al manubrio in misura minore.

Ora ho ruotato di poco indietro il manubrio, in modo da avere sempre una posizione con schiena dritta e busto leggermente proteso in avanti, ma con braccia piegate e gomiti un pochino più bassi dei polsi. In questo modo le braccia non sono più delle "travi rigide" su cui si scaricano le vibrazioni fino alla spalla, ma fungono da "smorzatori" esse stesse.
Poi ho provveduto a sostituire i bilanceri aftermarket con le equivalenti versioni più lunghe e pesanti a cui, sul bullone tra i due tamponi in gomma, ho aggiunto delle boccole fatte in casa in ottone, più lunghe e più pesanti di quelle originali (circa 52 grammi contro 20).

Con queste modifiche, il fastidio sembra quasi del tutto scomparso.

Mi rendo conto che la posizione in sella sia una cosa molto delicata e personale, e di come una variazione, seppur minima, possa condurre ad effetti (a volte sgradevoli) piuttosto marcati; detto questo, mi sto convincendo che per me la posizione ideale è simile a quella che ho quando scio, ovvero una cosa del genere della figura allegata. Dovrò sperimentare ancora un po', ma forse per raggiungere la pace dei sensi dovrei arretrare un po' la posizione dei piedi rispetto a quella attuale, per non avere la sensazione delle ginocchia troppo in bocca.


Allegati:
Rider.jpg
Rider.jpg [ 57.79 KiB | Osservato 1373 volte ]

_________________
"Now I'm leaving my worries behind / Feel the freedom of body and mind /
I'm starting my journey, I'm drifting away with the wind, I go.
"
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Scrivi un nuovo argomentoRispondi al messaggio Pagina 1 di 1   [ 18 messaggi ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  


Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
610nm Style by Daniel St. Jules of Gamexe.net

Traduzione Italiana phpBB.it